Testo fisso

 Per la politica dell'ambiente                                   Chi lotta può perdere,chi non lotta ha già perso! Guevara                                          

   
mercato 200x200ANCORA SULLO SPOSTAMENTO DEL MERCATO

 

 

 

 

 

 

 

“ Una scelta lungimirante “    esclama l'assessore al Commercio di Ala,

“ il frutto di una visione strategica !”     ribatte il Primo Cittadino

“ Il primo passo per il rilancio del Centro Storico!”   gorgheggiano all'unisono

 “Una grande opportunità per Ala “   fa eco la claque

 

Illusioni e inesattezze , frutto di autocelebrazioni , rese del tutto inopportune per una scelta rivelasti sin da subito infelice .


Ma ormai si radica sempre più  la consapevolezza che  molte discutibili scelte trovano giustificazione  nelle   personali  ambizioni  e  in un  movimentismo privo di obiettivi.

 

Già perché non sarebbe costata molta fatica accertare la precopitosità della scelta  e verificare , prima di liquidare come riuscito  l'esperimento. Infatti  alla data attuale nessun dato accerta l'effettuazione di  una  verifica.

 

Vogliamo ricordare che:

 

-        Non tutte  le Associazioni di Categoria  si sono dichiarate favorevoli allo spostamento del Mercato nella sede attuale.  Altre e ben diverse erano le proposte e molto più lungimiranti e articolate.

 

-        Parte  degli ambulanti ritiene penalizzante la scelta e infatti la presenza di molti di loro è rarefatta e saltuaria. Ma l'obiettività passa anche attraverso un ascolto attento evitando di selezionare le risposte che più sostengono una preconcetta tesi.

 

calo consumi-        Le vendite hanno subito una considerevole contrazione frutto anche della contingente  situazione economica ma si sa, il comparto alimentare risente, come naturale, di riduzioni minori.

  

-        L'afflusso numerico delle persone  si è ridotto rispetto a quello della precedente localizzazione. Un rapido conteggio la Polizia Urbana avrebbe potuto accertarlo. Forse  è stato anche  realizzato.  Siamo abituati ai dati “Ufficiali”  emessi dalle Questure sui partecipanti alle manifestazioni e quindi saremmo disposti a rivedere al rialzo quell'eventuale dato riferito al mercato.

 

-        Si sono creati problemi alla viabilità . D' d'altronde lo spazio è angusto vi si affacciano abitazioni con i loro poggioli sporgenti , insistono sullo spazio dei passi carrai , insomma quanto di più lontano alla collocazione di un mercatino rionale si possa immaginare è stato concentrato in via Marconi.

 

Questi sono i fatti . Quelli che ciascuno di noi può osservare settimanalmente.

 

Si potrà ribattere come già fatto, che la decisione è stata del Consiglio Comunale. Certo è vero, ma su proposta di qualcuno. Facoltà del Consiglio è fornire indicazioni guida, formulare progetti e auspicare soluzioni oltre a ratificare o respingere le proposte pervenute.

 

L' Assessore di riferimento ha attivato e sostenuto l'iniziativa e ora sostiene pervicacemente l'evidente   fragilità della scelta.

 

Il Signor Sindaco dispone di dati alternativi? Gli chiediamo di renderli pubblici.  L' amministrazione dispone degli strumenti di rilevamento e di elaborazione e il Bollettino del Comune è alle porte.

 

chiusoE intanto il Commercio della Via Nuova esala gli ultimi respiri con lo spostamento  a breve del Negozio di Ottica e forse di qualcun altro.

 

Un altro necrologio da scrivere ? Per quanto attiene la Via Nuova un “coccodrillo” è sempre pronto nel cassetto.  Per  ogni evenienza.

  

 Altro che “ Red Carpet per prestigiosi Outlet delle grandi Griffe” !

 

grillo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna