Testo fisso

 Per la politica dell'ambiente                                   Chi lotta può perdere,chi non lotta ha già perso! Guevara                                          

“ Voi suonerete le vostre Trombe e noi suoneremo le nostre.....................ops! “

  

campanile

 

Guardate i segni dicevano un tempo quando il futuro era incerto,  la fame e la miseria si avvicinavano, i governi si susseguivano e  la speranza  era nelle mani del Signore.

 

Avremmo di che essere preoccupati  ad applicare questa filosofia ai giorni nostri ;  e come non esserlo ? ad una  estate uggiosa e fredda che ha compromesso i raccolti e creato disagio in tutti,  ha fatto da contraltare un' altra ,  torrida e sconsolante  per la politica alense. Un estate al calor bianco  che non ha risparmiato nessuno dei grandi temi che avrebbero dovuto cointeressare con maggior partecipazione i nostri amministratori.

 

Nel setaccio della cronaca politica è finito il raccolto di questi ultimi anni e la pula è risultata  essere  molta più del grano!

 

Il Presidio Ospedaliero,  la Scuola Media, il complesso delle Scuole Elementari, lo Studentato dell'ex Convitto, il Museo della Musica, quello del Tessuto , i   Centenari da celebrare,  il  Parco ex Pizzini,   l'  Università   sono stati evocati   un po' da tutti : da   Amministratori, ex  Sindaci  e   Assessori ,  Operatori Sanitari e Collegi Professionali, Cittadini e Assessori Provinciali di riferimento,  e poi ancora …...  Sindaco , Vicesindaco , Presidente del  Consiglio ….   un vero disco per l'estate,   in una ridda di ricostruzioni,  di  ipotesi per il futuro,  di accuse,  recriminazioni e molte ma veramente tante   “ Chiamate fuori” o come si usa  dire in gergo    ,  “ distinzioni di responsabilità”.

 

 

Le vicende sono ancora in divenire soprattutto quella dell'  ex presidio ospedaliero mentre è ormai definitivamente  giunta alla conclusione,  la breve e poco intensa vicenda Universitaria Alense mentre le altre  vivacchiano pronte a dileguarsi al crescere del disinteresse.

 

Colpe?  E come no!    Chi amministra le ha per default o “ a Prescindere”  come  diceva  Toto' e non per una semplice sovrapposizione del ruolo politico e amministrativo.

Chi ha governato, sia pur con qualche distinguo,  le colpe  se le deve assumere .

E vediamo anche come e quante. Il chi  a coloro che hanno seguito le vicende:

 

Vicenda ex Ospedale

Dove è stata l'informazione e il coinvolgimento della cittadinanza nelle more tra i lavori della Commissione  e la sottoscrizione del famoso Protocollo (sembra di parlare del celebre quanto fantasioso Protocollo di Sion)?     Perchè la cittadinanza non è stata puntualmente informata?

 

E quando il Protocollo è divenuto carta straccia, così ridotto prima  dall' assessore Borgonovo Re  che prometteva incontri,  e poi definitivamente dalla Giunta Provinciale, dove erano i nostri amministratori?  Ad attendere di essere convocati?   Per essere posti di fronte al fatto compiuto di una scelta   rivelatasi  all'animo ingenuo degli stessi alquanto diversa dalle aspettative .

 

E allora scuse , accuse  e scuse , senza ritorno *,  distinguo ed esercizi di  dialettica ,  fughe dai fatti e dalla dura realtà; chi coerentemente  all'indietro  per recuperare il tempo perduto  e chi in avanti  per  reinventare soluzioni impossibili.

 

La cronaca locale da tempo quieta e sonnolenta  si è risvegliata all'improvviso trovandosi in un  terreno fertile per raccogliere  le tante piccole  ormai insignificanti,  spesso patetiche  prese di posizione,  disperse in un  estenuante lavorio di elencazione di se , ma, forse,  però può darsi.

 

Tra  tutti questi “  io non c'ero “   una sola cosa  risulta veramente chiara e veritiera : in effetti non c'era nessuno.

Nessuno consapevole della delicatezza della materia e sufficientemente lucido da capire che una strategia  priva dell'  unione dei due Comuni di Ala e Avio, senza una mobilitazione della cittadinanza , avrebbe ridotto il tutto  ad una parodia, dove il risultato era già stato scritto.

 

Troppo grande lo squilibrio di forze, troppo debole una sola amministrazione comunale,  ancor più'  fragile  se in balìa  di una politica incerta, isolazionistica,  poco lungimirante e debole. 

 

L'Ospedale o ex se ne sta andando; i resti di questa amministrazione risalgono precipitosamente la  valle per chiedere udienza a Trento (per  rimanere in tema di centenari), pronti chi ad incatenarsi chi a sbattere sdegnosamente la porta chi  a rinchiudersi in un  drammatico  silenzio .

 

Speriamo nella prossima tornata amministrativa; dalla  rapa di questa  politica non si potrà estrarre nè sangue nè risultati.  Un errore fidarsi di un protocollo dove era previsto un po' di tutto tanto per accontentare le diverse, troppe istanze, con poche  indicazioni realistiche , concrete,  e perseguibili nella difficoltà del momento.

Un solo obiettivo, uno solamente,  ma fermo consapevolmente scelto e difeso.

 

Ex   Studentato  ed ex Università

Aver prestato attenzione ai segni che nel tempo si mostravano,  aver cercato di tessere una rete di colloqui e di contatti con i responsabili, provato ad affrontare assieme il problema della sede o dell'accoglienza, forse non avrebbero  magari sortito effetti, ma  almeno rafforzato  la consapevolezza  di aver operato in termini costruttivi.

Accadimenti come la chiusura di una Facoltà con ben cinque corsi non avviene dalla sera alla mattina e neppure con una lettera raccomandata. 

Ancora una volta i segni premonitori ci sono stati, i segnali sono stati inequivocabili : è mancata  la capacità e l'umiltà  di leggerli e  di intervenire,

I continui rimandi e ridimensionamenti dello studentato dell'ex convitto, la sospensione   dell'inizio di qualche corso di laurea,   il trasferimento a Rovereto dei Servizi di Segreteria,   la rinuncia a spazi, non sono quisquilie che sfuggono nel vento: sono, avrebbero dovuto rappresentare  preoccupanti segnali e stimolare un qualche intervento.

 

Ma cosi non è stato e l' Università se ne andata.  Dai fasti del Ginnasio ne XVIII secolo alla  scuola Media nel XXI secolo.  Un gran bel progredire; un gran bel modo per essere ricordati!

 

La scuola media

è li nella graduatoria delle Comunità di Valle . Molto ridimensionata , ma questo potrebbe anche essere positivo.

 

La scuola elementare

attende di capire in quale strano compromesso edilizio dovrà collocarsi, una volta ultimato l'ex Convitto. In quale strano animale architettonico  collocarsi,   considerato che si tratta di un accrocchio tra due distinti progetti di edilizia  scolastica,

 

Musei.

Si fa presto a dire Musei: ma quali ?

Del Tessuto nel restaurando Palazzo Taddei, del Pianoforte nel restaurando Palazzo Pizzini, quello ex Dalla Laita o almeno di quel poco che ancora rimane  accorpato a quello Diocesano in un titanico sforzo progettuale.

 

E se questo non bastasse,  ha chiuso anche il Convento dei Padri Cappuccini.

Quella si una vera perdita. Con loro non chiude  solamente un'istituzione meritevole,  ma finisce un periodo.

La storia  cambia il suo corso, saremo tutti culturalmente e spiritualmente più poveri. E  di questo la Cittadinanza ne ha colto appieno il significato profondo.

A testimoniare del grande credito che si acquisiste con la presenza discreta e con il lavoro continuo, soprattutto se rivolto disinteressatamente  agli altri.     Un' ennesima lezione alla politica (anche alense)

 

Un tempo , la difesa delle virtù cittadine era affidata ai cittadini chiamati dal suono della campane.

Neppure questo è concesso all'Amministrazione Alense

Infatti il “ Battocchio”  della Campana della chiesa di S. Giovanni è rovinosamente caduto sullo slargo che porta a via Anzelini , senza provocare danni alle cose ed agli uomini.  Eppure la Chiesa appartiene alla  Cittadinanza, si tratta del tempio Civico di  Ala, di proprietà della città affidata in custodia all' Amministrazione.

Ma tant'è La cura del Patrimonio Artistico non appartiene a questa  classe politica .

Per fortuna il cielo si è rivelato ancora una volta più attento  della terra  .

“ Voi suonerete le vostre trombe – disse il fiorentino Pier Capponi ai delegati  imperiali che chiedevano la resa della città – e noi suoneremo le nostre Campane! “

 

Ben altra conclusione avrebbe avuto   ai giorni nostri la celebre  frase :

Ai delegati, l' Amministrazione , questa volta  in   “ bonissima et onestissima “ compagnia ha consegnato, senza  troppa resistenza  , ben più delle chiavi della città ! Ha consegnato la  speranza di un futuro meno  cupo.

 

un alense

 

* de Andrè

Commenti   

 
# Massimiliano Baroni 2014-10-08 12:11
E' proprio vero!
Ala sta morendo ma il Sindaco Peroni parla di Musei e rilancio...
Fantomatici musei del pianoforte che sprecherebbero moltissimi fondi che potrebbero essere usati per più piccoli interventi culturali.
L'elenco è lungo ma in sintesi:
- Museo cittadino Dalla Laita (dove sono custoditi numerosi cimeli del Centenario della Grande Guerra in Ala e non solo);
- Museo Parrocchiale;
- Parco tematico San Pietro (rivalutazione della Chiesa e delle opere tedesche della Seconda Guerra Mondiale. Opere di importanza unica che ci invidiano moltissimi comuni dove passa la Blaue Linie).
- Spazi espositivi per i cittadini. Moltissime e preziose collezioni giaciono nelle case degli alensi. Facciamole vedere anche ai nostri concittadini e ai turisti.
- Rivalutazione della zona dell'Ala. Fucina Cortiana e Bersaglio cittadino.

Penso che il denaro messo in "cantiere" per il museo del pianoforte possa essere usato, avanzandone anche un po, per questi progetti che sono la base per far incuriosire gli alensi in campo culturale e storico.

Ma purtroppo questi progetti, con relativo costo, vennero presentati a chi di dovere... E come dissi in passato... mi venne dato del "provincialotto"!

Il progetto del pianoforte antico è mastodontico per la nostra piccola comunità. Troppo speciale e particolare per Ala. Anche se, come disse il Signor Sindaco, il museo servirà per far suonare gli studenti del conservatorio. Dato che questo indotto influirebbe poco, anche un riscontro culturale, sulla nostra comunità che ha bisogno di un rilancio turistico - culturale che parta dalla base e non dall'apice.

Caro Sindaco! Esiodo disse:

"Stolti sono coloro che non capiscono che a volte la metà vale più del tutto"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rizzi Luciano 2014-10-10 19:34
egr. massimiliano

a mio avviso e su questo ho sempre dibattuto, quella che è mancata all'amministraz ione è stata le visione d'insieme dei problemi e come essi fossero (siano) tra loro correlati. Sin dall'inizio si è rinunciato a definire un modello di sviluppo compatibile e soprattutto in armonia con la crisi economica che si era già delineata. La comunità si troverà a disporre di una molteplicità di offerte culturali e/o museali tra loro contradditorie o insostenibili e con una programmazione legata a schemi ormai frustri o comunque dotati di una propria autonomia, con un Centro Storico svuotato, privo di una pur piccola idea per sostenerne il rilancio. Musei del tessuto e del pianoforte, magari un'Istituzione Civica, senza un ristorante tipico o un bar nella parte storica della città. Abbiamo ancora l' insegna "Trattoria al Caminetto" , partiamo da quella e mettiamone pure della altre; se poi sono farlocche che importa! Non lo è oramai un pò tutto? cordialmente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna