Testo fisso

 Per la politica dell'ambiente                                   Chi lotta può perdere,chi non lotta ha già perso! Guevara                                          

Raggi di sole sulla città

 

 001

 

Nessuna divinazione o premonizione , sicuramente tanti auspici perchè potessero apparire nel cielo della cittadina  dei  raggi  di sole per diradare  la plumbea cappa di grigio che avvolgeva il suo Centro Storico.

 

Tre notizie , due delle quali significativi segnali di una possibile riconsiderazione e interessamento dell'Amministrazione  verso il bisogno di riqualificazione di alcune parti del tessuto Urbano. Ecco dunque.....

 

*************

 

Ex Convitto Silvio Pellico

 

002 

 

Dopo aver effettuato un sopralluogo congiunto tra Azienda per i Servizi Sanitari e l'Amministrazione Comunale di Ala, prenderanno il via , il prossimo 20 maggio (vedi il documento dell'appalto lavori)  i lavori di riconversione dell'ex Convitto. I lavori interesseranno dapprima l'ala est,  quella  su via Anzelini e la Chiesa di S, Giovanni, per proseguire poi con la ristrutturazione dell' ala ovest  e l' ampliamento verso sud in direzione del Centro Scolastico/Natatorio.

 

Bene. Una sincera gioia e grande  considerazione  per ogni notizia che avvicini la rinascita del Collegio Convitto Silvio Pellico e la sua ricollocazione tra le strutture educative e formative , come nella sua storia.

 

Il nostro tifo è sinceramente rivolto all'Istituzione  e alle potenzialità che potrà sviluppare per la città , per la sua identità e per il recupero di una tradizione  che pensavamo irrimediabilmente compromessa.

 

Le critiche  puntavano il dito sui ritardi, sulle indecisioni, sulle riscritture della destinazione, sui rimaneggiamenti e tentativi maldestri di strumentalizzazione  per scopi anche diversi dalle intenzioni originarie. Tutte queste  prerogative di Amministrazioni diverse tra loro   per segno politico , sensibilità e attenzione per la città , ma accomunate   da  scarso  decisionismo e ridotta capacità di imporre  scelte concordate;  in ultimo da sempre si sottolinea  una sostanziale debolezza  nei confronti della Provincia o dell'Azienda Sanitaria.

 

Ritardi e rimaneggiamenti ai quali aggiungere l'incapacità di dialogare e informare la cittadinanza. I mezzi sono molti, dai comunicati alle conferenze stampa, dalla informazione diretta alle famiglie (non si adotta con successo questa opportunità, anche per le iniziative culturali?), all' utilizzo del Bollettino del Comune deputato per definizione a queste notizie.

 

Ora è stata individuata l'Impresa appaltatrice, l'inizio (ultimo) dei lavori è stabilito appunto per il 20 maggio . Qualche preoccupazione ma non “gufiamo” certo per l'ennesimo fallimento, anzi.

 

Qualche demerito  a questa Amministrazione –  i ritardi lo sottolineano -   il cui ruolo è stato tutt'al più quello di non aver saputo promuovere e sostenere con forza le legittime aspirazioni della Città.

 

 

Palazzo Pietro Malfatti

 

003

 

In due circostanze ci siamo occupati del Palazzo Pietro Malfatti di Via Torre per descriverne sommariamente la vicenda storica e denunciarne lo stato di abbandono la prima (Palazzi figli di un Dio minore), per richiamare ad una maggior attenzione la Fondazione Malfatti cui il Palazzo appartiene, la seconda (Qualcosa si sta muovendo? Palazzo Malfatti Pietro).

 

E finalmente con una soddisfazione anche personale, apprendiamo  che la Fondazione ha deciso di porre mano al tetto. Un lavoro colossale viste le dimensioni e le caratteristiche  costruttive , ponendo rimedio , pur con ritardo, alle pericolose  infiltrazioni d'acqua che hanno già compromesso la  stabilità dell'ala principale, quella contraddistinta dalla grande sala di rappresentanza e dal pregevole scalone nobiliare aggettante su Via Torre.

 

La considerazione che il Palazzo merita, e questa è la vera soddisfazione, ha  raggiunto la Facoltà di Ingegneria di Trento che nei suoi corsi ha previsto  l'istituzione di un corso sperimentale  il cui scopo primario consiste nella mappatura dell'intero Palazzo e una ricognizione che dovrà tradursi in un lavoro preliminare ma fondamentale per ogni eventuale successiva ipotesi di recupero.

 

E così  un gruppo di Studenti animato da buona volontà e pazienza ha dato avvio ai lavori di pulizia e sgombero di quanto in questi anni di abbandono si è depositato nell'immobile.

 

Finalmente questi grandi spazi si rianimeranno della presenza attiva e competente di giovani Universitari  in una attività che siamo certi  darà un contributo al recupero del Palazzo Malfatti Pietro e  costituirà  un  esempio e  sarà di stimolo per  altre similari iniziative.

 

 

La Via Nuova

 

Anche la Via Nuova diverrà  banco di sperimentazione per la medesima Facoltà ma per un altro corso, questa volta allo studio é alla predisposizione di uno o più progetti per la riqualificazione anche in chiave mercantile di questa antica via del commercio cittadino.

 

Uno studio urbanistico, da quanto ci è dato si capire,  alcune ipotesi di riconversione,  di abbellimento, di  un qualcosa che scenograficamente potrà forse  contribuire alla rivitalizzazione e all' attenzione verso questo luogo divenuto malinconico nel tempo.

 

Tre belle notizie, tre occasioni da condividere con la Cittadinanza, tre opportunità per mostrare il lato positivo di questa Amministrazione, anche lo spunto per una serata che informi e avvicini  la Città ricompattandone il tessuto sociale.

 

La dimostrazione che la quotidianità del fare vale molto di più dei proclami e delle esibizioni muscolari  che spesso vengono frustrate da una realtà impietosa.

 

La speranza da parte nostra di avervi contribuito con la critica  e i richiami.

 

PS Ora Signor Sindaco Peroni  Le si ripropone l' opportunità di fornire un segno di buona volontà mettendo in sicurezza il maestoso Cedro del piazzale della Scuola Media.

 

Certo, siamo a conoscenza che la competenza è dell' Azienda e la responsabilità del cantiere dell'impresa  e che l' Autorità Cittadina non dispone di strumenti “ de jure”, ma sappiamo altresì che l'autorevolezza, il prestigio e la rappresentanza di un comune sentire, sono , se opportunamente impiegati, uno strumento di convincimento  molto  efficace.

 

Cordialmente

la Redazione

 

Vi presentiamo Palazzo Malfatti Pietro 

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna