Testo fisso

 Per la politica dell'ambiente                                   Chi lotta può perdere,chi non lotta ha già perso! Guevara                                          

2012 :  la Profezia avverata

 maya 1

 

Chiunque si fosse cimentato nel profetizzare l'atteggiamento di questa amministrazione nei confronti del proprio territorio, avrebbe avuto certamente molta più fortuna dei Maya e della loro profezia sulla fine del mondo.

Non si tratta infatti di divinazioni particolarmente  elaborate, non sono chiamate in causa astrali congiunzioni, né periodizzazione di serie numeriche, per divinar responsi è sufficiente l'esame storico dei comportamenti delle amministrazioni che in questi ultimi anni si sono succedute.

 

Diverso il  colore  politico, la composizione ideologica,  l' estrazione sociale  e magari anche quella culturale ma tutte sono perfettamente sovrapponibili nel loro atteggiamento di distacco verso il territorio e di passiva  sudditanza ai poteri forti,  rappresentati alternativamente dalla Provincia con il suo inefficiente servizio Miniere e dalle Associazioni economiche di categoria; potenti macchine  economiche capaci di inserirsi con efficiente tempismo nei meccanismi decisionali della Pubblica Amministrazione e  “ mutatis mutandi” indirizzarne  o  rallentarne il funzionamento con una legittima azione di lobby che spetterebbe eventualmente  alla politica contrastare.

 

L'ultima seduta del Consiglio Comunale ci  ha  da anni abituati al rito ormai consunto rappresentato  dalla  concessione della proroga  dell'attività estrattiva nelle cave di Pilcante -  Chizzola.

 

La sesta proroga , la terza dell'amministrazione Peroni, la terza in due anni e mezzo dal suo  insediamento – un record.

 

La più colpevole tra tutte le precedenti perché  voluta da un Amministrazione che in Campagna Elettorale aveva dichiarato di prestare  attenzione ai problemi del territorio e intenzionata a trovarvi una soluzione. 

 

“ Ma il coraggio uno , se non ce l'ha, non se lo può dare”

 

La terza proroga maturata nella totale, assoluta, colpevole inefficienza della politica nel fornire indicazioni e nella macchina amministrativa nel proporre e sostenere soluzioni. Una proroga di soli tre mesi si potrà ribattere, ma almeno con questo escamotage  si potranno, in una sola legislatura, avere più proroghe di quanti non siano gli anni che la compongono.

 

18 sono  i mesi trascorsi dall'insediamento della Giunta Peroni - dal giugno 2010 al gennaio 2012  - prima che qualcuno dei referenti/responsabili considerasse i tempi maturi per un' assunzione di responsabilità e prendere atto dell'esistenza del problema.

 

Fu esattamente  un anno fa in questo periodo che per iniziativa esclusiva di una forza politica  venne riaperto il tavolo di confronto con l' assessore provinciale competente  e riproposto il problema per ricercare  una soluzione radicale  allo  scempio rappresentato dalla cave di Pilcante - Chizzola.

 

 

Una devastazione non solo dell' Ambiente ma di tutto quanto è classificato nella disciplina della buona amministrazione e del rispetto delle norme e della convivenza, consumatasi nell'  indifferenza  degli  esecutivi che si sono avvicendati  nel tempo.

 

Maggioranze ed opposizioni si sono nel tempo dimostrate colpevolmente incapaci di esercitare le funzioni  che la politica e gli stessi elettori  avevano e hanno loro  attribuito,  limitandosi    ad una quieta  e sonnolenta gestione di un quotidiano fatto di scontati comunicati ricondotti   alle ricorrenze canoniche del  bilancio e delle elezioni.

 

E' ancora una volta  necessario per quanto superfluo, ribadire che il dissenso e la contrarietà non sono nei confronti degli operatori economici, che non vi è alcuna pregiudiziale ideologica per l'attività estrattiva, nel gioco delle parti e nell'interpretazione dei ruoli è indubbio che il palmares spetta alle aziende estrattive; il loro lavoro e la conduzione economica sono attuati nel rispetto della vocazione imprenditoriale:  ottenere il massimo con il minimo dispendio, circoscrivendo i disagi quanto basta per rispettare il perimetro normativo di riferimento .

 

Anche se non è sempre stato così come le numerose  documentabili testimonianze ne fanno fede.

 

No, la responsabilità è nell'indolenza degli amministratori nella loro incapacità di assumere decisioni, si badi bene non è richiesto il coraggio di Piero Grasso, del Giudice Livatino, di Giovanni  Falcone e dei tanti che hanno posto il bene collettivo quale principio ispiratore, no la colpa consiste nell' aver  trascurato il problema, nell' aver rimandato le responsabilità e sempre posposto i disagi delle popolazioni interessate. La responsabilità  consiste in una conoscenza da sempre sottaciuta, nel parlare senza agire, nel rigettare le proposte perché impegnative, nel nascondersi dietro l'ignavia delle “competenze” :  la più vile delle giustificazioni che una politica stracciona può assumere.

 

La normativa prevede che il territorio di una cava esaurita venga ripristinato,  si ripropongano cioè le condizioni iniziali .

 

Altre soluzioni sono comunque valutate da parte degli organismi pubblici per rendere meno laborioso e costoso il ripristino  consentendo per il riempimento,  l'utilizzo di  materiali  di diverse tipologie   ma che   non consentirebbero, sull'ambiente recuperato, attività agricole e quindi impieghi diversi da quelli originali: un parco, un'area artigianale, una zona verde.......altre che avrebbero il solo merito di rendere meno impattante la deturpazione provocata all'ambiente.

 

Assolutamente da respingere  ogni qualsivoglia ipotesi volta a trasformare le cave esaurite in discariche . Il territorio ha già dato e ne sta tutt'ora subendo le conseguenze negative.

 

Questo è il compito che l'amministrazione deve  e può imporre se necessario  all'Operatore  o al proprietario della Cava; un compito  non eccessivamente oneroso o di grande responsabilità, disciplinato da una precisa legislazione e normativa, con tempi e modi prefissati; nulla è affidato al caso o alla discrezione.

Dichiarare esaurita una cava e procedere al suo ripristino. Un semplice assolvimento di funzioni e  una  manutenzione  del territorio che richiedono solamente atti amministrativi  e per i  quali è richiesto   un solo attributo: quello che un tempo si chiamava “ schiena diritta” o responsabilità. 

Doti sempre più carenti.

 

Ma è proprio qui,  sul crinale della proroga  che la Pubblica Amministrazione mette in scena la sua migliore recita.

 

Nel sottile duellare tra il fioretto della norma e quello della sua interpretazione il tempo sembra spesso rimanere sospeso.  Tutto si muove al rallentatore, tutto è assimilabile all'ipnotico movimento ondulatorio del cobra davanti al suo incantatore , tutto concorre a sopire le decisioni e frenare lo scorrere degli avvenimenti. E allora la decisione principale consiste nel non decidere, l' apice dell'azione è  nel perseguire il suo contrario.

 

Dove è stata questa amministrazione in questi 30 mesi ? Quali proposte ha messo in campo? Quali azioni per il ripristino? Come si è atteggiata nei confronti delle provincia? Quali gli atti per far prevalere il diritto e il bene collettivo e contenere  il lobbysmo ?

 

Nulla! Solo  un frettoloso quanto tardivo intervento alla VIA, un incespicante procedere nei confronti dei tecnici provinciali, e nella peggiore delle ipotesi una rassegnata accettazione di volontà superiori.

La perfetta interpretazione di un ruolo totalmente passivo e poco dignitoso per chi dovrebbe difendere il proprio territorio e neppure molto onesto nei confronti delle tante promesse fatte. 

 

Quanto scritto non è per niente un inedito, gli stessi concetti e le medesime denunce si susseguono inalterate da molti anni, uguali alle promesse fatte, agli impegni verbalmente assunti, alle assicurazioni fornite, al tanto detto e al nulla sinora fatto.

 

A questa amministrazione incapace perfino di organizzare la tanto promessa  serata informativa per le popolazioni, dovremmo affidare il secondo e ultimo scorcio di legislatura con animo leggero ?

 

Gli auguri e la fortuna che ancora rimangono conviene dedicarli alla Città e alla sua popolazione  corredati dall'auspicio che il tempo possa correr veloce e la città dimenticare la pochezza  politica e culturale di questo esecutivo.

 

Una piccola galleria fotografica  

 

Redazione

Commenti   

 
# RAO PAOLO 2013-01-21 08:03
Buongiorno, ho letto con attenzione....a ffermo solo, che il pubblico che il privato "devono" rispettare le regole e le norme che ognuno di noi nel bene e/o del male, devono accettare...ciò significa xhe a volte è necessario rispettare il "bene comune" e non il bene individuale. Buona fortuna, Paolo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stefano C. 2013-01-21 18:45
3 Commenti: 1) Le ultime maggioranze, a mio avviso hanno/avevano tutte lo stesso colore polito, salvo qualche sfumatura; 2) Apprezzo il fatto che si sia scritto come i metodi per "ripristinare" una cava esausta siano più di uno, questo concetto rende l'articolo "equilibrato" cosa che per me non è di secondo piano; 3) Sono d'accordo con l'autore quando dice che il peggior difetto di un'Amministrazi one è quello del "non decidere". Complimenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# RENATO 2013-01-27 18:33
sono affezionato ed interessato lettore delle vostre mail, pur non essendo alense. In quel di Rovereto viviamo situazioni simili (cava Lastiela perennemente incompiuta, cava Marsilli perennemente in espansione). Se le amm.ni locali risultano inefficaci nel fronteggiare le lobbies, maggior responsabilità ha la PAT.
Complimenti per i vs. lavori
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna