Testo fisso

 Per la politica dell'ambiente                                   Chi lotta può perdere,chi non lotta ha già perso! Guevara                                          

LA MOTOSEGA MUNICIPALE - 2a COMUNICAZIONE PREVENTIVA 

 

       

A due giorni dal "bollettino di guerra" di domenica 20 maggio, il sindaco Peroni ci informa più dettagliatamente sugli abbattimenti futuri di piante cittadine.

Ancora attraverso il giornale  l'Adige del 22/05/2012.

  l'Adige-tagli2 800x420

 

Eccezionale campagna comunicativa.

 

Ai cittadini alensi forse farebbe piacere una così martellante informazione su un qualche progetto per il  rinverdimento della città.

 

La domanda da fare ora è:

 

si tagliano le piante per far posto ai parcheggi, oppure i parcheggi sono funzionali al vuoto lasciato dalle piante?

 

Domanda valida per i parcheggi creati in zona piscina come per la piazza Giovanni XXIII°.

 

E' nato prima l'uovo o....?

 

Dall'informazione a mezzo stampa si potrebbe pensare che, valutato il precario stato di salute delle piante, ovviamente col supporto di esperti pareri, si sia deciso di posizionare i parcheggi al posto delle piante malate.

 

Basta ipocrisia!

Evidentemente l'amministrazione ritiene che per i cittadini siano più importanti i parcheggi che le poche piante residue del centro di Ala.

 

Poche sono sicuramente le piante in città che vantano un'anzianità rispettabile:

 

i quattro platani di Largo Vicentini;

 

le piante al Perlè

 

le piante di piazza Giovanni XXIII°, prossime candidate alle attenzioni della motosega comunale;

 

il verde di via Gattioli con il parco Pizzini, verde  dimezzato dall'intervento di taglio delle piante "malate" davanti alla piscina comunale per far posto a parcheggi;

 

la parte privata del parco Pizzini che, se arriverà in mano pubblica, si scoprirà pieno di piante malate analogamente a quelle dell'area della piscina (d'altra parte sono confinanti);

 

il parco di palazzo Azzolini.

 

E' storia ormai che la cura delle piante ad Ala è cura definitiva.

Anziché prevenire (qui servirebbero gli esperti!) i danni alle piante per mantenere il patrimonio verde più a lungo possibile, si interviene con la motosega.

Sostituendo poi le piante tagliate? Quando mai!

 

Egregio signor Sindaco, nella Sua personale scala di valori, a quale livello si trovano i parcheggi? a quale la vivibilità dei cittadini che le piante contribuiscono a migliorare?

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna